google6a3fa170c1192d09.html 100cosecosi 100cosecosi: UN DELITTO PERFETTO

mercoledì 28 maggio 2014

UN DELITTO PERFETTO

 

Mi scuso con tutti i lettori del mio blog per la mia prolungata assenza,idem con i colleghi (blogger e pittori) con cui sono solito intereagire nel web a tutto campo,arte,politica,satira,cultura,costume etc, (...) 
Purtroppo un gravissimo lutto ha colpito la mia famiglia,ne sono distrutto,annientato e sto cercando lentamente di ricostruirmi,non è finita...quello che è peggio si tratta di un omicidio !
Impiego la maggior parte del mio tempo nell'allestimento dei dossier neccessari ad attivare una dinamica processuale che sarà lunga,penosa e straziante.
Non manchero al momento venuto di farvi parte di quanto è in mio possesso,sappiano i miei amici colleghi blogger che avro necessità del loro aiuto nell'ambito dell'informazione che intendo condividere sul caso "X".
Alcuni di voi vogliono sapere cosa succede (...) credetemi,devo trovare il modo (...) non solo di narrare la vicenda (a forte impatto emotivo) in tutti i suoi dettagli,penso  avvalendomi della letteratura (un libro) ma anche fornire tutti gli atti documentali che avvalorano le mie accuse verso un folto gruppo di persone.
Sto sondando legalmente quanto,come e quali percorsi sono consigliati in questi casi (...) posso dirvi che il caso interessa l'Italia e soppratutto la Francia (per la giurisdizione).
Entro qualche mese sarete tutti doviziosamente informati,grazie a tutti quelli che mi sono stati vicino e con sensibile delicatezza si sono astenuti dall'insistere affinche io rientrassi nell'Agora (...) con la consueta passione civile che mi caratterizza.
                 
                             Michel Abbatangelo

6 commenti:

  1. cooksappe:"rilancia" diffondi,grazie e segui gli aggiornamenti del caso.
    Ciao e grazie

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Grazie,lo so che hai saputo...ne parleremo un giorno,per ora cerco di riposare,saluta tutti.

      Elimina

"Rifiutare di avere opinioni è un modo per non averle. Non è vero?" Luigi Pirandello (1867-1936)