google6a3fa170c1192d09.html 100cosecosi 100cosecosi: IGNAZIO LA RUSSA QUANDO TIRAVA LE BOMBE ....CORREVA L'ANNO 1973 !

venerdì 17 dicembre 2010

IGNAZIO LA RUSSA QUANDO TIRAVA LE BOMBE ....CORREVA L'ANNO 1973 !



 
Vedere il Ministro della Difesa Ignazio La Russa che aggredisce uno studente al grido di “Vigliacco! Vigliacco! Vigliacco! Vigliacco! Vigliacco! Vigliacco! Vigliacco! Vigliacco! Vigliacco! Vigliacco!“, con una prepotenza,una arrogante irrefrenabile protervia,una vera aggressione che preclude e incita allo scontro fisico con argomentazioni nulle, tra grida, e minacce con il rifiuto all'ascolto dell'altro e un solo spazio aperto:quello della provocazione,dell'insulto in cui l'altro idiotizato dal fiume di parole e dalla veemenza dovrebbe precipitare (VittorioSgarbi ha fatto scuola) beh, è uno spettacolo banale,rivoltante e da brividi.
Qui sotto un esempio della tecnica con cui è uso affrontare le contestazioni vissute come una lesa maestà all'icona (lui) che vuole incarnare e interpretare il diffuso risentimento degli sfigati marginali di una terza età con un piede nella tomba,incarnare il risentimento verso il ribellismo come lesivo del privilegio "  dell'età della ragione e si,il giovanilismo gagliardo irrita da sempre certe classi (...)
Mi permetto di ricordare a lui che dà del vigliacco a uno studente con tanta veemenza (...) quando lui partecipava a cortei che lanciavano bombe che ammazzavano poliziotti !
Si granate (è storia ufficiale ormai) facendo vittime (sotto l'episodio storico in cui è coinvolto Ignazio La Russa) dapprima incoraggiando il suo partito di allora (...) la violenza nelle sue forme più estreme e sovversive e poi con la delazione strumentale più ignobile consegnando gli autori alle forze dell'ordine sperando di salvare la faccia ad un partito armato,complottista,antidemocratico e terrorista !
Anche questa è storia!







Ecco la foto di Ignazio la Russa durante il corteo in cui afferma di non essere mai stato. Quello in cui venne ammazzato un poliziotto.Queste immagini dismostrano parzialmente che erapresente in quel corteo fatale all'agente Marino...

L'agente Antonio Marino ucciso nel 1973 da una bomba a mano lanciata dai cordoni di una manifestazione dell'Msi a cui partecipava anche il giovane Ignazio La Russa. Altro che "meno vigliacchi" erano degli assassini
Milano si svolge una manifestazione (non autorizzata) del Msi. Il corteo, guidato dai dirigenti nazionali Servello e Petronio, si scontra con la polizia. Nel corso degli scontri, violentissimi, vengono lanciate alcune bombe a mano contro le forze dell'ordine, provocando la morte dell'agente di polizia Antonio Marino.
L'immagine legalitaria e di forza d'ordine del Msi è irrimediabilmente incrinata. I dirigenti missini, nel tentativo di recuperare un'immagine rispettabile per il movimento, denunciano i presunti autori dell'attentato (riconosciuti poi colpevoli), sperando di dimostrare, in tal modo, l'estraneità del partito alle violenze. Tuttavia, ciò contribuirà ancor di più a sottolineare i legami tra estremisti violenti e Msi. I colpevoli (Murelli e Loi), infatti, appartengono al gruppo milanese La Fenice, che risulterà avere piena legittimità all'interno del Msi.


APPROFONDIMENTO 
ANTONIO MARINO
Agente ucciso dall'Msi


Il 12 aprile 1973, a Milano, durante una manifestazione non autorizzata del Msi, movimento sociale italiano, venne ucciso da una bomba l’agente Antonio Marino.
I vertici dell'MSI, di Destra Nazionale e del Fronte della gioventù avevano indetto per quello che poi verrà ricordato dalla stampa come “giovedì nero” una manifestazione con un comizio di Ciccio Franco. Al comizio avrebbe dovuto parlare anche Ignazio La Russa, allora segretario regionale del Fronte della Gioventù, l'organizzazione giovanile del partito.
Scopo della manifestazione sarebbe stato «dimostrare contro la violenza rossa». Durante corteo, vietato dalla Questura ma guidato dai dirigenti nazionali Franco Maria Servello e l’onorevole Francesco Petronio, iniziarono violentissimi scontri con i celerini e, oltre a numerosi atti di vandalismo, vennero addirittura lanciate alcune bombe a mano contro le forze dell'ordine.
Marino fu colpito in petto dalla seconda bomba, che lo uccise sul colpo: al momento della morte aveva ventidue anni. Altri dodici celerini furono travolti dalle schegge, riportando ferite di varia entità. I dirigenti missini, nel tentativo di recuperare un'immagine rispettabile per il movimento, denunciarono i presunti autori dell'attentato, sperando di dimostrare, in tal modo, l'estraneità del partito alle violenze. Maurizio Morelli e Vittorio Loi vennero riconosciuti colpevoli in seguito ad una delazione di Gianluigi Radice (segretario provinciale del Fronte della Gioventù che la sera stessa aveva reso una dettagliata deposizione sui fatti intascando così la taglia di 5 milioni di lire promessa dallo stesso Msi a favore di coloro che avrebbero indicato gli autori del reato). Tuttavia, ciò contribuirà ancor di più a sottolineare i legami tra estremisti violenti e Msi. I colpevoli, infatti, appartenevano al gruppo milanese La Fenice, che risulterà avere piena legittimità all'interno del Msi. Inoltre, interrogando i manifestanti arrestati, cominciò ad emergere un disegno criminoso ben preciso: la parata sarebbe stata organizzata e pianificata dettagliatamente attraverso riunioni in bar di Piazza San Babila, punto di ritrovo dei neofascisti milanesi, e non sarebbe stata un atto di violenza spontanea.
Ormai chiamato in causa, l'Msi finanziò i due imputati, offrendo loro 22 milioni di lire per i risarcimenti. Offrì anche alla famiglia di Marino 20 milioni ma questi soldi non vennero mai versati e la famiglia sporse denuncia contro il partito.
La magistratura chiese l'autorizzazione a procedere contro Servello e Petronio: la Camera dei deputati ritenne che non vi fossero gli estremi, e tutelò i due deputati negando il permesso per le indagini. Il 26 maggio 1978 con sentenza del Tribunale di Milano i dirigenti locali missini vennero assolti dalle accuse di aver organizzato deliberatamente gli scontri.

FONTE  



48 commenti:

  1. Bel post. Purtroppo l'Italia ha recuperato una intera classe dirigente di fascistoidi presuntuosi e mediocri, come La Russa, ma come Gasparri o Alemanno, che hanno inziato la loro carriera lanciando bombe molotov e organizzando pestaggi. Bisogna ricordare che sono mediocri fascistelli ogni volta che si può...

    RispondiElimina
  2. Certo ad anno zero dava del vigliacco allo studente per non farlo parlare, al giorno d'oogi è l'unico modo, ai suoi tempi facevano diversamente( così stavano zitti per forza)

    RispondiElimina
  3. Premesso che il fatto ricordato rappresenta uno dei più tragici episodi di un periodo storico del nonstro Paese che tutti noi vorremmo che mai più si ripetesse, voglio ricordare che in trasmissione il Ministro ha detto di non essere in quel corteo ma di essere stato, proprio in qui frangenti, presso la questura di Milano; può darsi che il Ministro menta, tuttavia, proprio per non alimentare un clima di odio, oggi come allora, non sarebbe il caso di abbandonare vecchi pregiudizi ed accertare la verità vera? Mi pare di capire, infatti, che la verità processuale non basti.

    RispondiElimina
  4. Sono cresciuto con i fascisti dentro le fogne.
    Oggi sdoganati da banana,sono peggio di ieri.
    Scanziamoli!
    Io coi fascisti non ci parlo.
    carlo di figlia pignatello,viareggio mistretta

    RispondiElimina
  5. IL RAP DI IGNAZIO
    Da voice populi
    Vigliacco, Vigliacco.....
    Stai zitto, Vigliacco,
    Io sono la difesa, sei tu che vai all’attacco
    Studente schifoso
    Tu devi morire,tu devi stare zitto
    Sai Solo poltrire
    Invece di Studiare, vai in piazza a protestare
    Protesti coi Petardi
    Coi manganelli caldi
    Quei manganelli caldi
    Che ai tempi usavo anch’ioSpaccando tante teste
    E lo sa solo Dio
    Poi vado al Parlamento E’ questo lo Sgomento
    Perchè io sono Ignazio Ma per gli amici Igna
    Al posto dei SanPietri
    Ti tiro qualche Pigna
    Studente vigliacco tu devi stare zitto
    Io sono la Difesa sei tu che vai all’attacco
    Eppure studente capisco le tue scelte,
    Ti senti preso in giro dal carro fatiscente
    Quel carro su cui salgono politici corrotti
    Che salvano la pelle sol per i poliziotti
    Ma questi poliziotti un giorno capiranno
    E con tutti gli studenti insieme reagiranno
    E per le Istituzioni saranno tempi duri
    Perchè troveran botte persino dai più puri
    Quei puri che di solito non usano le mani
    Le usan per cacciare politici villani
    Allora sai Studente mi sento un pò pentito
    Io sono la difesa, e ho ucciso tutti i sogni
    Per dare la poltrona a tutti i miei parenti
    Che adesso sono grassi e pure un pò cialtroni
    Ma presto stanne certo
    Andran fuori dai coglioni

    RispondiElimina
  6. Pirandello era fascista, si è fatto seppellire con la camicia nera!

    RispondiElimina
  7. Nel vedere l'Ignazio furioso, che continuava a lanciare l'insulto di 'vigliacchi' agli studenti, l'altra sera mi ha fatto venire in mente lo stesso episodio dell'ucisione dell'agente Marino. Complimenti per il post
    Pat

    RispondiElimina
  8. Quando vedo la Russa E Gasparri innanzi ai miei occhi si accende un quadro di Mafiosi e bastardi.
    Quando aprono la bocca strano nel mio salotto sento una puzza di fogna.
    L'altra sera ad anno 0 ho visto una faccia lucifera e mi sono ricordato dell'uccisione del povero Marino.
    Quanto sono meschini quegli che rifiutano di ascoltare le opinioni di altri, dovrebbero andare a pascolare pecore e maiali, non stare a rappresentarci al governo e nel mondo ed incassare un sacco di soldi che sono i nostri.
    Vergogna

    RispondiElimina
  9. ma perche' piagnucolate tanto, compagnucci di kakka..eravate squallidi assassini di gruppo( sempre 10 contro 1, ovviamente!), e adesso, dementi senili , vi ritrovate a fare i barricadieri( a parole!), andatevene a fare in kulo, maiali, PER VOI NON C'E' DOMANI!1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fascio ndò te pijo te lascio !

      Elimina
  10. comunisti sugaminkia, vili come sempre( lo avete nel dna, da quando i vostri infami padri partigiani hanno infangato l'italia)toglietevi un po' dalle palle, allontanatevi con il vostro lezzo insopportabileri,sparmiateci la noia di tirare lo sciacquone, con il rischio che ANCHE LI' intasate lo scarico...

    RispondiElimina
  11. SU RAGAZZI FATE I BUONI
    VI CONSIGLIO PER DISTENDERVI UN PO UNA BELLA PASSEGGIATA A PIAZZALE LORETO
    GIURO CHE UNA VOLTA CI HO VISTO VENIRE IGNAZIO LA RUSSA CON UN MAZZO DI GAROFANI NERI !
    Da non credersi vero...?

    RispondiElimina
  12. Cerchiamo di non mettere benzina sul fuoco!!! Poi la colpa morirà fanciulla, vero? Stiamo calmi!!!

    RispondiElimina
  13. Io mi domando e dico se al mondo ci deve essere un "essere" cosi cattivo.Da piccolo deve aver patito molto.Lo compiango.

    RispondiElimina
  14. ma sciaquati la bocca quando parli dei partigiani! la libertà che abbiamo oggi ce l'abbiamo grazie a loro!

    RispondiElimina
  15. vedo che ci sono gioveni di destra che si parla male dei partigiani io vorei capire comemai che dite queste cose cosa vi spinge à dire questo non sapete distinquere trà il bene è il male à mio giutizio avete la pangia piena è non vedete oltre il vostro naso si deve lottare per avere un mondo più giustò sia che siono di destra ò di sinistra

    RispondiElimina
  16. Anonimo ha detto...

    piu' o meno lo stesso periodo che le tirava d'alema

    RispondiElimina
  17. I fascisti si mostrano x quello che sono.....delle merdaccie da estinguere
    La lega nord è un cancro che va estirpato
    Come diceva Mino Maccari ...quando l' imbecillità trionfa è un onore essere sconfitti

    RispondiElimina
  18. Finchè la sinistra si esprimerà con teste come questa non c'è speranza di alcun cambiamento per l'Italia: poveri noi!!!

    RispondiElimina
  19. poveri onorevoli!questi teppisti che spaccano tutto!loro,poveri onorevoli non c'entrano nulla con tutto cio'.Non hanno capito che la gente non ce la fa' piu'.DI LORO,pero'.E' meglio che continuino a girare scortati che se poco poco ne prendeno qualcuno,altro che ministro greco dei trasporti!

    RispondiElimina
  20. Giuseppe 1

    Ho visto alla tv il comportamento di questo pseudo fanatico prestato alla politica e credo che sia un rimasuglio del passato disciolto partito fascista. Il suo essere spregievole sprizzava, con quegli occhi spalancati, un fanatismo assurdo e immotivato. Vigliacco ripetuto una decina di volte, rivolto ad un giovane che stava esprimendo una propria opinione sui recenti disordini di Roma. Non entro nel merito della notizia, ma la violenza verbale e a gesti, di costui, mi trova molto determinato e dell'opinione, di dire che se esistono personaggi come lui, ne esistono molti altri, pronti a contrastarli e a fargli rimangiare tutto quanto il male fatto. Per fare i politici bisogna, prima di tutto eseere delle persone intelligenti, che sanno quello che dicono e si sanno dominare nelle emozioni, perchè altrimenti si rischia di fare la figura di m..da.

    RispondiElimina
  21. Jonny Dio

    Bravi ragazzi, dovete spaccare tutto, solo così capiranno che la gente è stufa marcia di questo schifo.
    A chi dice che la violenza è sempre da condannare chiedo: cosa dovrebbero fare gli studenti per farsi ascoltare? Mi sembra che finora i modi non violenti li abbiano tentati tutti e neanche per poco tempo, l'unica cosa che hanno ottenuto è di essere sfottuti.
    Almeno se qualcuno delle alte sfere si fosse abbassato ad incontrarli, anche solo per dirgli di no, avrebbe almeno dimostrato un pò di serietà, ma se dopo due anni di cortei e manifestazioni (tutte pacifiche) il massimo che si ottiene è essere derisi allora mi spiego il perchè si è arrivati a tanto.
    Inoltre sono convinto che solo una insurrezione popolare possa far capire a chi la fa che la politica esiste per amministrare la cosa pubblica nell'interesse pubblico, mentre da troppo tempo chi fa politica lo fa nel suo esclusivo interesse, se poi si trova anche un'utilità pubblica ben venga, anzi viene sbandierata, se non la si trova tanto peggio, al limite si insabbia la cosa.
    La gente ne ha le scatole piene, e se invece di dargli retta li si prende per i fondelli questo è il risultato.
    P.S: anche se mi sfasciano la macchina non mi interessa, vorrà dire che andrò a piedi o coi mezzi pubblici o in bicicletta, per me è giusto far capire che non se se può più.

    RispondiElimina
  22. "La protesta degli studenti si commenta da sola. Non c'è bisogno che io dica da che parte sto, ovviamente. Sono sicuro che tutto finirà molto presto almeno quando questi sprovveduti finiranno i soldi usati per le proteste invece che per lo studio. Poi saranno senza lavoro, ovviamente. E chi vuoi che assuma certi personaggi" bravo tu si che hai capito tutto razza di coglione

    RispondiElimina
  23. Anonimo ha detto...

    Che bel governo,forse tutto sommato è propio la volontà degli elettori a far ingrassare i maiali,mi scuso con i nobili e puri suini,che a mio avviso non c'entrano niente.Buon natale al presidente Berlusconi,alla sua tavola e nella sua casa solo pochi eletti,il resto per tutta la povera gente normale,un solito natale di vera ricchezza morale.

    RispondiElimina
  24. La protesta degli studenti si commenta da sola. Non c'è bisogno che io dica da che parte sto, ovviamente. Sono sicuro che tutto finirà molto presto almeno quando questi sprovveduti finiranno i soldi usati per le proteste invece che per lo studio. Poi saranno senza lavoro, ovviamente. E chi vuoi che assuma certi personaggi?

    RispondiElimina
  25. A torto o a ragione lo studente è tutt'altro che un vigliacco, ha messo la sua faccia contro il potente ministro della difesa (chissà se ha fatto e dove il militare) ed alle sue argomentazioni La Russa non è stato in grado di replicare se non con le offese, bell'esempio di ministro. Una domanda: che faceva il padre del ministro quando Ignazio ringhiava nelle piazze? E il nonno?
    Spero che l'alibi della violenza di 100 o 200 scalmanati, magari accesa da provocatori (l'ex ministro dell'interno Cossiga insegna), dia l'alibi al Governo di mettere a tacere le poche speranze di riforme che gli studenti a fianco di ampi settori di rappresentanti del mondo del lavoro chiedono.
    Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  26. vorrei dire al ministro la russa che le forze dell'ordine non dovrebbero caricare gli studenti ma bensi tutti quelli del governo per come stanno portando la nostra bella italia allo sfacello

    RispondiElimina
  27. Mi chiedo come mai DiPietro, che ha fatto della giustizia il suo cavallo di battaglia, non abbia condannato in maniera netta i fatti di Roma.
    Meditate.............meditate.......!!!

    RispondiElimina
  28. I giovani non sono violenti. Se diventano violenti significa che hanno dei maestri che insegnano loro la violenza.
    I maestri sono ovunque anche fra i politici e peggio fra quelli riciclati da un passato violento di colore nero e rosso!
    I gesti di Roma sono condannabili perchè violenti, ma ci tocca andare dentro e oltre questi gesti: i giovani chiedono di conoscere il loro futuro, chiedono di sapere se quelli che oggi urlano dando del vigliacco ad un giovane stiano agendo per salvare il futuro dei giovani che oggi etichettano violenti!
    Politici che erano violenti, sono violenti ma oggi in doppiopetto, avendo accortezza di aggredire chi oggi fà le stesse cose che faceva lui stesso!
    Che strani politici e strana generazione è quella che oggi sta decidendo del futuro dei loro figli ( violenti a comando, ieri come oggi).
    Peggio chi sottovoce dice di non condividere l'operato dei magistrati sperando che non tocchi a loro di giustificare alla magistratura, l'unica fino ad oggi che applica le leggi, quelle leggi che hanno sfornato i violenti di alcuni anni addietro ora incollati ad un seggio!

    La violenza è sempre da condannare ma bisogna chiedersi anche il perchè!!

    RispondiElimina
  29. Difendere quei delinquenti che non hanno niente a che vedere con gli studenti è inqualificabile, ma certo che il ministro lA RUSSA sconosce cosa sioa la democrazia è un dato di fatto, perchè invece di difendere i poliziotti a parole, non li gratifica per il lavoro che fanno , visto che sono gli stessi che giorni prima protestavano ad Arcore e il giorno dopo gli attacchi al parlamento, protestavano contro questo squallido governo di burattini

    RispondiElimina
  30. niente giustifica quello che è successo a roma,ma non c'entra nulla con quello che scrivete.E'vero che La Russa era un picchiatore fascista e questo non lo potete smentire,quindi non ha i titoli per parlare.Nemmeno se lo mettiammo in lavatrice diventa meno nero...

    RispondiElimina
  31. merde di destra ...la gente è esasperata!
    Merdeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  32. GIOVANNI
    La Russa,ha dimostrato,tutta la democrazia che ha
    sia come ministro(quindi GOVERNO)sia come parlamentare.La sceneggiata,pessima dimostrazione
    di come si ascolti,e accetti i pareri contrari.
    Siano orgogliosi coloro che scelgono un tale
    partito , governo.Ignazzo vergognati nasconditi
    in un posto buio che nessuno più ti veda. VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  33. Venite a provare il terrore di quelle ore con quei matti(ma quali studenti?)e poi poi vi svegliate ,altrochè difenderli come ha fatto Santoro.Vergogna.Ma chi lo paga?Vergogna!!!

    RispondiElimina
  34. perchè si parla solo delle bombe del Ministro la Russa, Paolo Liguori oggi direttore e schiavo di Bellusconi dov'era l'estate del 1968, che ci faceva a protestare, alla capannina di Viareggio, quando la polizia sparo un colpo di pistola su un ragazzo, che oggi vive in carrozzella.

    RispondiElimina
  35. pIERO?
    I fascisti dovevano farli fuori tutti quando finì la guerra

    RispondiElimina
  36. Sono solo delinquenti che non capiscono un cazzo di riforme! INDIFENDIBILI!

    RispondiElimina
  37. MA ANDATE A CAGARE.....! SINISTRI DEL C.A.Z.Z.O

    RispondiElimina
  38. Siete talmente ridicoli che vi commentate da soli.
    Vi auguro di cuore che la prossima volta, davanti a quell'orda di delinquenti, ci sia la vostra macchina, la vostra casa, vostra figlia.
    Poi vediamo quanto li difenderete ancora !!!

    RispondiElimina
  39. Mister No ha detto...
    PDL, popolo dell'amore e del fare ?

    RispondiElimina
  40. il nano e la sua cricca sono solo un comitato di affari sporchi,il nano bastardo sa che se esce da palazzo chigi dovrà rispondere dei suoi mille reati,oltre che essere moralmente inadatto(vedi carfagna e simili)è anche un pedofilo (vedi noemi,ruby ecc)e l Italia nel frattempo va sempre piu in basso,governo di merda

    RispondiElimina
  41. a leggere tutte ste cazzate mi viene il voltastomaco, c'eravate voi a quelle manifestazioni?bene io c'ero e vi posso assicurare che vedendo quello che facevano i facisti come quelli che sono ora al governo c'è poco da ridere-io ero li'solo per guadagnare onestamente lo stipendio e per difendere voi e la demograzia,tempi duri ma a noi non venivano in aiuto gli iracheni!!!

    RispondiElimina
  42. ma che bei commenti si leggono.
    Il sottoscritto non lo infinocchiate.
    Mi ricordo quando Dalema tirava molotov, il 68 e quando quei cari coccoli delle BR (compagni che sbagliano) ammazzavano professori, giudici, agenti delle forze dell' ordine, Presidenti del consiglio con relativa scorta e non da ultimo Fascisti sì ma indifesi come i ragazzini di Primavalle da parte di quel DLINQUENTE LIBERO di Lollo.
    Fatevi un esame di coscuienza e siate più obbiettivi, che non guasta.
    Saluti

    RispondiElimina
  43. Ok opinione condivisibile solo che quelli che cita non sono ministri che invitano la polizia a: "manganellare ben benino gli studenti...!"
    Ci siamo capiti?

    RispondiElimina
  44. PARLARE DI FASCISTI O BRIGATISTI E' FACILE DA PARTE DI GIOVANI CHE NON HANNO VISSUTO GLI ANNI DEL TERRORE.
    GLI SCONTRI DI PIAZZA VEDEVANO QUELLI DI DESTRA E SINISTRA CHE SE LI DAVANO DI SANTA RAGIONE PER UN'IDEA POLITICA GIUSTA O SBAGLIATA,MA SSEGUENDO LE INDICAZIONI DEI VERTICI DI PARTITO.OGGI GLI ASSALTI DEI GIOVANI STUDENTI CONTRO I CITTADINI,COMMERCIANTI,ARTIGIANI E COME DA SEMPRE LE FORZE DELL'ORDINE.
    VI SIETE MAI CHIESTI CHI C'E' DIETRO?
    VI SIETE MAI CHIESTI CHI CI GUADAGNA?
    VI SIETE MAI CHIESTI CHI SONO COSTORO?
    VI SIETE MAI CHIESTI MA IO CHE CI FACCIO QUI?
    VI SIETE MAI CHIESTI DOPO I FATTI ACCADUTI SE FOSSI STATO AL POSTO DEL CITTADINO INERME O DEL POVERO CRISTO CHE HA AVUTO LA MACCHINA DANNEGGIATA O DEL NEGOZIANTE DANNEGGIATO COSA AVREI FATTO O DETTO?
    ALLORA PRIMA DI COMMENTARE NERI E ROSSI MEDITATE GENTE E FATEVI UN ESAME DI COSCIENZA.

    RispondiElimina
  45. Comunisti = Invidiosi !
    Sono quasi tutti appartenenti al mondo operaio e di Bassa Estrazione Sociale !In poche parole = Morti di Fame ! Nascono , si riproducono e ...muoiono ! ....Sono quasi tutti cornuti !
    "Loro" a lavorare nelle fabbriche !...e le loro mogli a trombare !!
    .....Invidiosi ! Eterni Invidiosi ....
    Insomma ...La Merda ! Cancri Umani !!
    Ah! Ah! Ah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AVRESTI BISOGNO DI UNA BELLA CURA DI PIOMBO ALLE GAMBE

      Elimina
  46. http://lombardia.indymedia.org/node/34624
    I commenti su Indymedia x la cronaca !

    RispondiElimina

"Rifiutare di avere opinioni è un modo per non averle. Non è vero?" Luigi Pirandello (1867-1936)