google6a3fa170c1192d09.html 100cosecosi 100cosecosi: Brunetta sposa !

domenica 10 luglio 2011

Brunetta sposa !


Clic sull'immagine per accedere al Video delle contestazioni dei precari










click to create your own


“Scusi, lei ha notizie sull’eventuale presenza di facinorosi?”
http://1.bp.blogspot.com/-4gmTtlfdXVY/ThZJdUJC4TI/AAAAAAAAOCI/YPAvHzadWBQ/s400/L%2527utilitaria+di+Brunetta.jpg
Hehehehehehehehe qui altro...
http://2.bp.blogspot.com/-XXIyTl_ujtM/ThmQvmCBawI/AAAAAAAAOC8/ftcuM1VuPEk/s400/Brunetta+Renato+foto+album+matrimonio.jpg
Ce la siamo presa con l'Ottavo nano mà credo che anche la Giovannona meriti un pizzico di attenzione...
 Fonte 
RAVELLO (SALERNO) –  Un evento da basso impero, il matrimonio del ministro Renato Brunetta, in celebrazione a Ravello, domenica 10 luglio alle 19,30, è destinato a assurgere a simbolo della decadenza della corte politica di Silvio Berlusconi. Il personaggio Brunetta è tra i più sgradevoli e sgraditi in Italia. Ha insultato intere categorie di cittadini e dove aveva ragione in linea di principio, ad esempio con la produttività degli statali, ha poi fallito con le misure correttive, come quella di combattere l’assenteismo coni totnelli.
Non più tardi di giovedì il ministro dell’Economia Giulio Tremonti gli ha dato apertamente del “cretino” e il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, ha detto al collega Trem0nti di non ritenerlo degno di ascolto.
Le nozze con Titti Giovannoni sono l’apice di una vicenda che solo un grande del cinema satirico degli anni ’60, Salce o Caprioli, avrebbe potuto concepire: non solo per la ridicola accoppiata con una fidanzata, alta più di lui di almeno trenta centimetri, ma anche per l’arroganza senza ritegno che ha trasformato una perla delle coste italiane in una città in stato d’assedio, tipo G8.
Lo sfarzo delle nozze, la scelta della località, il personaggio, tutto ha fatto sì che Ravello sia diventato il punto di convergenza di una serie di proteste, a cominciare da quella delle forze di Polizia, umiliate dal diniego di Brunetta di corrispondere loro il pagamento degli straordinari, per finire con quella massa di disoccupati e precari meridionali che Brunetta ha definito la parte peggiore d’Italia.
Le nozze di Ravello segnano il punto più basso anche del rapporto di Brunetta con l’opinione pubblica e col mondo dell’informazione, che in un primo momento aveva contribuito a crearne il mito, dando credito e spazio alle sue sparate, scoprendo poi, all’inizio di un processo di revisione della credulità giornalistica, che chi lo conosceva meglio di tutti, i suoi concittadini veneziani, si erano rifiutati di dargli credito negandogli quei voti che lo avrebbero dovuto incoronare sindaco di Venezia.
A Ravello si è intanto instaurato un clima da stato d’assedio e per questo, racconta Susanna Amurri sul Fatto quotidiano, i turisti e i comuni cittadini non potranno accedere al centro storico e neppure sedersi ai bar della piazza, perché tutti i tavolini sono stati fatti togliere per ragioni di sicurezza con largo anticipo, di oltre 12 ore.
La cerimonia si svolgerà a Villa Rufolo: tra gli invitati, ci saranno certamente i testimoni di lui, il ministro del Lavoro Sacconi (proprio quello che dietro le spalle ha detto che non lo stava nemmeno a sentire tanto grosse erano le sciocchezze dette da Berunetta), Fabrizio Cicchitto, capogruppo Pdl alla Camera, le ministre Carfagna e Gelmini, il neo segretario del Pdl Alfano, Raffaele Fitto e (quasi) tutti i ministri. Quasi certamente mancheranno Berlusconi impegnato dai postumi della sentenza del Lodo Mondadori e Tremonti, il ministro che ha dato del “cretino” a Brunetta e che per questo, molto probabilmente, ha compromesso i suoi rapporti con il ministro-sposo.
MATRIMONIO PRIVATO – Dovrebbe essere, nelle intenzioni del ministro, un matrimonio privato ma Ravello la domenica mattina sembrava un paese occupato, reparto mobile dei carabinieri e polizia a cavallo inclusi. A celebrare il rito civile (la futura sposa è divorziata) sarà l’ex sindaco Pd Secondo Amalfitano, presidente di FormezItalia, struttura per l’informatizzazione della pubblica amministrazione che secondo i giornali è stata tagliata su misura per lui da Brunetta. In cambio il sindaco ha ripagato il ministro “dell’Italia peggiore” con la cittadinanza onoraria.
Proprio qui a Ravello la sua Italia peggiore si è data appuntamento, attraverso il web, per partecipare alla festa: “Non siamo stati invitati: eppure l’Italia peggiore ha voglia di incontrare la peggiore Italia” . Hanno scelto anche l’abito per la cerimonia. Una maglietta con su scritto: “Jatevenne” che in napoletano significa “andatevene”. I fannulloni verranno con chitarre e tamburi. “Noi, a Brunetta, la festa vogliamo farla, mica rovinarla” . Sono i Cobas Scuola di Salerno, il Comitato insegnanti, gruppi antagonisti, studenti in vacanza che su Facebook hanno creato la pagina “Brunetta’s wedding” che in due giorni, ha ricevuto più di mille adesioni.
Ad attenderlo di fronte al Duomo, ci saranno anche gli “arancioni disobbedienti”, gli insegnanti di sostegno per i ragazzi disabili, striscioni con lo slogan “Noi l’Italia peggiore”. E non mancherà la protesta del sindacato di polizia Coisp, che porterà in piazza le sagome dei poliziotti pugnalati alle spalle, per richiamare l’attenzione sul mancato pagamento degli straordinari. Il tam tam è partito su Facebook, 2800 adesioni virtuali. La Questura ha autorizzato il sit-in e ha garantito che non verranno relegati dietro le transenne di una “zona rossa”.
Tra i guastafeste ci saranno anche i lavoratori precari che si sono rifiutati di servire la cena all’Hotel Caruso, da loro ritenuta sottopagata, con 75 euro per 12 ore di servizio. E chi si è presentato chiedendo di poter lavorare è stato sottoposto ad un vero interrogatorio: “Chi sei, da dove vieni, ti droghi, bevi, frequenti centri sociali” e via dicendo.
Ravello è piccola e incastonata nel dorso della montagna: assediarla sarebbe facile anche perché ha due sole vie d’accesso. Brunetta non si sente rassicurato e al comandante locale dei carabinieri chiede, incalzato dal giornalista del Corriere della Sera: “Scusi, lei ha notizie sull’eventuale presenza di facinorosi?”











Credit Fotografie Dagospia

1- A RAVELLO, SONO I PRECARI CHE CONVOLANO A NOZZE CON IL SINDACATO DI POLIZIA COISP - 2- CORI DI SCHERNO DEI COBAS PER RENATINO: "SIAMO L'ITALIA PEGGIORE, ABBIAMO UN SOGNO NEL CUORE, BRUNETTA A SAN VITTORE". TRA GLI SLOGAN "CRETINO, CRETINO" E "FUORI LA MAFIA DALLO STATO". NUMEROSI GLI STRISCIONI CH RICICLAVANO LE FRASI CARE ALLA FILOSOFIA POLITICA DELL'"ENERGUMENO TASCABILE" (COPY BY D'ALEMA): "BRUNETTA FANNULLONE" E "L'ITALIA PEGGIORE SIETE VOI", "MEGLIO PANZONE CHE COGLIONE" - 3- UNA VENTINA DI POLIZIOTTI CAMPANI, ADERENTI AL SINDACATO INDIPENDENTE COISP, HANNO ESPOSTO STRISCIONI TRA I TAVOLINI DEI BAR DELLA PIAZZA ANTISTANTE VILLA RUFFOLO, LUOGO DELLE NOZZE, SAGOME DI AGENTI FERITI CON LA SCRITTA "CI AVETE PUGNALATO ALLE SPALLE" PER MANIFESTARE CONTRO I TAGLI DI RISORSE ALLE FORZE DELL'ORDINE - continua a leggere....

0 commenti:

Posta un commento

"Rifiutare di avere opinioni è un modo per non averle. Non è vero?" Luigi Pirandello (1867-1936)