google6a3fa170c1192d09.html 100cosecosi 100cosecosi: BORGHEZIO CHE CI FAI IN MEZZO A STI CEFFI ?

mercoledì 2 marzo 2011

BORGHEZIO CHE CI FAI IN MEZZO A STI CEFFI ?

Truffe e strane operazioni finanziarie che hanno per sfondo la fantomatica cooperativa «Aurora» di Borgaro continuano a interessare la magistratura che sta indagando su fatti e misfatti di questa società in cui parecchia gente in buona fede ci ha rimesso i risparmi credendo di poter un giorno diventare proprietaria di un alloggio. Ieri il giudice istruttore Accordon ha emesso sei mandati; di cattura eseguiti dai carabinieri del reparto operativo. Sono stati arrestati due avvocati. Veniero Frullano di 50 anni e Mario Borghezio,
32 anni, un assessore di Cuorgnè, Giovanni Jaria, impresario e personaggio pubblico piuttosto «chiacchierato» tanto da essere espulso dal partito socialista in cui militava attivamente. (.)


Mario Borghezio rinviato a giudizio
La Stampa, 23.02.1979
Dietro i raggiri della falsa cooperativa l'ombra del delitto di Vauda Canavese?


Tra i cocci della cooperativa «Aurora» di Borgaro. dichiarata fallita
  nell'autunno scorso, c'è di tutto: truffa, falsi in contabilità, raggiri,«buchi» per decine di milioni, bilanci fasulli, un'estorsione e, domani,forse, la spiegazione di un delitto che pareva destinato alla polvere degli archivi. Vediamo di riassumere gli ultimi sviluppi della complessa vicenda.
Tra ieri e martedì notte il giudice istruttore Accordon ha interrogato le persone arrestate; gli avvocati civilisti Venicro Frullano e Mario Borghezio; l'impresario ed assessore di Cuorgnè Giovanni Iaria; il suo socio Luigi De Stefano e un commerciante di Vimodrone (Milano), Giovanni Tornaghi,
47 anni. Costui, in concorso con Alfredo Luca, 50 anni, ratecnico di
Milano, avrebbe tentato un'estorsione a due non meglio specificati soci della «Aurora». Come? Cercando di farsi consegnare un paio di brillanti del valore di 10 milioni e offrendo in cambio il silenzio sull'imbroglio che Gian Maria Massari farmacista di Borgaro e factotum della cooperativa, ed i suoi più stretti collaboratori, andavano tessendo alle spalle dei «soci».
(.) E c'è dell'altro....


https://lh4.googleusercontent.com/-XUD3jTFbKzg/TW6GD_3SEpI/AAAAAAAAAIE/JIn31-OSHr0/s400/borghezio+giallo.jpg
L'Onorevole disdicevole Borghezio

4 commenti:

  1. Oramai è chiaro che il parlamento italiano è diventato un ricovero per delinquenti. Ci sono pure gli onesti, ma sono in via di estinzione o di allontanamento.
    Sembra che, anche quel gran puttaniere di l. mora, vi cerchi rifugio candidandosi alle prossime elezioni; avrà pensato come tutti: "almeno la sei strapagato e stra-protetto dalla immunità parlamentare".
    E il popolo ignorante vota, sperando in gente per bene, che faccia i suoi intreressi, invece spalanca le porte ai ladri e disonesti.

    RispondiElimina
  2. che la lega sia un ricettacolo di malfattori reduci dallla dc e dal psi è oramai evidente. Da Bossi, a madame Giorgetti, a Patelli, alla Gariboldi... tutte persone con condanne alle spalle per finanziamento illecito, truffa, esportazione illegale di capitali...

    RispondiElimina
  3. la cosa che mi fa rabbia e la cecita' delle persone comuni che lo votano.questo personaggio rappresenta l'italia in europa.europa del dire non del fare di certo.per questa gente odiare e sinonimo di amare e pur si vantano di essere cattolici .usano la croce come la loro fede politica e la chiesa sta a gurdare

    RispondiElimina
  4. NON SOLO NAPOLI HA LA LA SUA IMMONDIZIA !!!!!!
    BORGHEZIO E' SOLO UN DENTE DELLA GRANDE MACINA LEGHISTA, VEDASI CREDIEURONORD, ALTRI APPARTAMENTI FANTASMA IN QUEL DI VENEZIA, FATTURE FALSE PER FINANZIAMENTO GIORNALI ETCC.
    PURTROPPO LA COLPA NON E' LORO, SEMMAI PER LORO E' UN ULTERIORE MERITO, LA COLPA E' DI CHI LI VOTA .

    RispondiElimina

"Rifiutare di avere opinioni è un modo per non averle. Non è vero?" Luigi Pirandello (1867-1936)